Home

Da "Il Manifesto" del 16 Ottobre 2013

Dettagli

PENDOLARI Un comitato per il rilancio delle linee locali

Viaggiare sui regionali a bordo del Ciufer

ARTICOLO - Domenico Gattuso

Domenico Gattuso
È in atto una vera e propria guerra contro le ferrovie regionali; sotto la bandiera di una fantomatica politica efficientista di Stato, tutto ciò che non fa rima con Tav è da eliminare, contrarre, vendere.
L'attenzione nei confronti dei treni ordinari (regionali o intercity) è ormai minima; a subirne le conseguenze sono milioni di passeggeri e pendolari che, ogni giorno, subiscono lo scadimento della qualità dei servizi e vedono diffusamente disattesi i caratteri di puntualità, pulizia, confort, coincidenze, tariffa equa, sicurezza, manutenzione. Contrariamente a quanto avviene in altre nazioni ove convivono treni con diversa destinazione d'uso, purtuttavia sempre dignitosi, da noi ormai, escludendo i servizi Tav destinati a una frangia minoritaria di utenti, le ferrovie sono un disastro. Si va depauperando un patrimonio di linee, stazioni, impianti ferroviari, secondo un disegno scientifico; l'obiettivo di fondo emerso in qualche salotto buono è la cancellazione di 5 mila km di rete ferroviaria sul territorio nazionale. Ne possono essere prova i dati nella tabella a margine. Ma il peggio deve ancora venire; la tattica è semplice: le tratte non remunerative vanno rese ancora meno attrattive: basta minare i servizi, squalificare l'offerta, chiudere le stazioni, usare treni vecchi, vessare i viaggiatori; sarà allora gioco forza espellere i pendolari, affermare il concetto che la domanda non giustifica i costi di esercizio, che gli utenti sono sempre meno numerosi, e quindi procedere con i tagli. Si tasta la capacità di reazione della gente, si procede per gradi, si adottano sofisticate tecniche-camomilla per sedare le proteste, e si continua. Fra Calabria e Puglia i manager di Stato hanno cancellato di recente i treni sostituendoli con autoservizi modestissimi; alle vigorose proteste che hanno fatto seguito, essi hanno risposto con un treno interregionale giornaliero, Reggio Calabria-Taranto, un treno che non raggiunge Bari, un treno costituito di carrozze e locomotive vecchissime dismesse dal Nord Italia, di qualità da terzo mondo, soggetto a guasti e ritardi. Tra qualche tempo lo leveranno di torno, dicendo che non c'è domanda di trasporto. Siamo in tanti ad essere convinti che sia sotto attacco l'intera linea ionica, circa 600 km di rete sotto la scure di questi folli che non hanno la minima idea dei conseguenti negativi riflessi sui sistemi socio-economici locali.
Purtroppo la politica appare assente o distratta; governatori delle regioni, Presidenti di Province e sindaci continuano a non rendersi conto dei rischi che stanno vivendo i territori; e non solo quelli del Mezzogiorno. La tabella offre uno spaccato di linee e di servizi di trasporto su ferro ritenuti scioccamente di minore importanza e quindi sacrificati.
Il parco veicolare di quasi tutte le regioni è ormai ridotto al minimo e con mezzi obsoleti e insicuri; soppressione di corse, ritardi e disservizi sono all'ordine del giorno, sono stati cancellati numerosissimi treni a lunga percorrenza e treni notte; i livelli di manutenzione e di sicurezza stanno scemando drammaticamente, inevitabilmente sta lievitando il numero di incidenti e deragliamenti.
Con la consapevolezza che occorre arrestare questo processo disastroso per la vita sociale e per l'economia dei territori, dalla Calabria è partita una iniziativa che ormai coinvolge tutte le regioni d'Italia. Unendo competenze e passione, esigenza di affermare i diritti dei viaggiatori del treno, si è impostata una vertenza per le Ferrovie regionali, e si è avviata una battaglia organizzata per la tutela e il rilancio dei servizi ferroviari locali e interregionali. In pochi mesi si è strutturata una chiamata alle armi di tutti i comitati dei pendolari d'Italia, di decine di social network spontanei, di siti web di appassionati delle ferrovie, con l'idea di fondo di esercitare una robusta forza d'urto nei confronti dei Governi nazionale e regionali e di Fs; superando le dinamiche di lotta occasionali, locali, peraltro spesso represse con azioni legali, si va configurando un fronte di lotta molto esteso, pacifico ma determinato. Un sito web rappresenta il fulcro dell'azione (www.ciufer.it).
Il Ciufer, Comitato Italiano Utenti delle Ferrovie Regionali, è ormai una realtà: un manifesto condiviso per i Trasporti equo-sostenibili, un documento di rivendicazione articolato a scala nazionale e regionale, una istanza di infrazione presso la Commissione Europea, un tribunale dei diritti del viaggiatore, sono alcuni degli strumenti di lotta costruiti con la partecipazione attiva di decine di cittadini, in una forma di democrazia partecipata concreta su problematiche che riguardano la vita sociale dell'intera nazione. Nei prossimi mesi il fermento in atto si tradurrà in azione eclatante per una battaglia di civiltà.

COMUNICATO STAMPA

Dettagli

La bellezza salvarà il mondo?

Dettagli

La bellezza salverà il mondo? Si ma a patto che la si veda , la si percepisca almeno questa bellezza!

L'Italia dovrebbe costituire una sorta di isola felice per il suo primato di variegate eccellenze non solo gastronomiche ma soprattutto storiche ,artistiche ,architettoniche,paesaggistiche.Un'ancora di salvezza in un pianeta alla deriva,se solo essa percepisse questa sua chance meravigliosa, frutto di uno straordinario connubio di storia ,di arte e natura, unico nel suo genere ,irripetibile, inimitabile.

Purtroppo questa bellezza non la cogliamo nella sue peculiarità perchè non è ancora scolpita nei nostri cuori.impressa nelle nostre menti.

La cecità culturale è imperante nel nostro Paese come l'ostinata sordità a qualunque richiesta di ascolto per il cambiamento. Le esigenze di tutela del nostro immenso patrimonio culturale vengono quasi sempre subordinate alle logiche del profitto a tutti i costi da parte di una classe dirigente locale e nazionale sovente inadeguata.

  Non si spiegherebbe altrimenti perchè un Paese meraviglioso come il nostro si stia trasformando in un gigantesco outlet di asfalto e di cemento ,di grandi opere e di trivelle, che che ci ruba il suolo, l'aria,il mare,il respiro dell'infinito e con esso la vita.

L'italia dei grandi eventi, dei grandi ponti ,dei grandi porti, dei tunnel e dei viadotti con l'alta velocità che sventra sovrana e con le citta' storiche divenute oggetto-merce per il miglior offerente, da consumare in fretta nel caos di centinaia di auto e di pulllman turistici che intasano le strade, assediano i monumenti.

L'italia edulcorata trappola per topi che corre ,corre veloce verso l'abisso di chi non vuole guardarsi dentro ,fermarsi a riflettere sulle ragioni profonde della propria storia.

L'italia di"Ladri di biciclette",satura di automobili, dai piu' elevati indici  di motorizzazione direttamente proporzionali all'aumento del consumo di suolo e all'abbandono dell'agricoltura.Piu' macchine ,piu' parcheggi,piu' stazioni di servizio,piu' autogrill ed alberghi,piu' carrozzerie,piu' concessionarie è uguale a meno suolo.

L'Italia agricola che prendeva il treno per spostarsi , l'Italia della provincia e delle piccole stazioni, luoghi di incontro e di paesaggi , non deve esistere piu', troppo antiquata!. E soprattutto non congeniale ad uno sviluppo basato sulla logica del petrolio che con la scuola taglia anche  i treni , taglia la manutenzione ma salva la tratta veloce, terreno esclusivo di gestioni privatistiche del tutto indifferenti alle esigenze dei tre milioni di lavoratori pendolari costretti ogni giorno a viaggiare su mezzi sporchi e fatiscenti o su improbabili linee sostitutive di pullman pubblici e privati, costosi ed inquinanti .

IN QUESTO TRISTE RACCONTO E' DA RICERCARE IL PERCHE' DELLE NOSTRE RICHIESTE DI UNA MOBILITA' DIFFUSA , EQUA E SOSTENIBILE.

LA  NOSTRA PRIMA GIORNATA NAZIONALE DELLE FERROVIE , CELEBRATA  IL 3 OTTOBRE 2013 NELLE STAZIONI DI  PORTICI E DI PAESTUM,VUOLE ESSERE UN CHIARO SEGNALE DI OPPOSIZIONE E DI ALTERNATIVA A QUESTE ABERRANTI LOGICHE DI MERCATO IN NOME DELLA DIFESA DEI BENI COMUNI E DELLA NOSTRA BELLEZZA

Maria Vitacca (Salviamo il Paesaggio)

FILM 3 OTTOBRE 1939

Dettagli
Giorno 3 Ottobre abbiamo istituito la Giornata Italiana delle Ferrovie. RAI 3 Campania ha dedicato per l'occasione un servizio in merito. da notare il riferimento al treno come mezzo di trasporto POPOLARE, per TUTTI. Ecco il link con il servizio relativo alla ferrovia Napoli-Portici di BUONGIORNO REGIONE CAMPANIA (a partire dal minuto 22:00, dura 2 minuti)
http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-988ec3e5-9afa-4682-b5eb-e7bf2bd4f3b6-tgr.html#p=0

GIF - GIORNATA ITALIANA delle FERROVIE

Dettagli

   
© ALLROUNDER