Autore: ciufer_basilicata

TELECAMERE IN STAZIONE. LA RISPOSTA DI LAGHEZZA (RFI) ALLA NOSTRA PETIZIONE.

  Relativamente all’oggetto ed a quanto ricevuto brevi manu nel corso del nostro ultimo incontro a Potenza, informo che come RFI abbiamo esaminato attentamente la richiesta, tenendo anche conto dei parametri oggettivi noti sia in termini di security che di frequentazione e sviluppo delle stazioni. Informo che provvederemo a contattare celermente il comune di Potenza per poter ripristinare le telecamere già esistenti entro l’anno. Entro il 2018 provvederemo inoltre ad installare nuove telecamere a Ferrandina e Metaponto, impianti che riteniamo prioritari, anche in relazione al programmato evento di Matera 2019. Per gli altri impianti evidenziati ne riconosciamo l’importanza e provvederemo ad una programmazione dal 2019, secondo un piano che sarà armonizzato con le esigenze e le priorità nazionali. Un cordiale saluto. Roberto Laghezza Rete Ferroviaria Italiana SpA Direzione Commerciale ed Esercizio Rete Direzione Direttrice Adriatica Il...

Read More

Definire piano di investimenti per l’acquisto di materiale rotabile

Che si tratti di ritardi, soppressioni, pessima gestione dell’informazione a bordo e in stazione, fatiscenza e scarsa manutenzione dei mezzi, oppure tagli applicati e paventati al servizio regionale, i pendolari ogni giorno hanno la netta convinzione di pagare un servizio che di fatto non gli viene reso in modo quantitativamente e qualitativamente accettabile. A fronte di questa situazione la Regione Basilicata ha rinnovato un contratto di servizio a Trenitalia che non è stato in alcun modo condiviso con il nostro comitato pendolari, attivo da oltre tre anni e presente su tutto il territorio Regionale. Desideriamo che la Regione Basilicata comprenda la necessità di lanciare una vera politica del trasporto pubblico e del suo sviluppo, in un’ottica di vera crescita e non di parole alle quali purtroppo non seguono i fatti. Governo ed Unione europea mettono a disposizione ingenti risorse per sovvenzionare l’acquisto di nuovi treni, parliamo del piano nazionale deliberato dal Cipe (341,15 mln) e del fondo stanziato ad agosto dal Ministero dei Trasporti (10.806 mln), due sovvenzioni importanti e senza precedenti che unite ai fondi Regionali, consentiranno l’attivazione di un processo massiccio di rinnovamento del materiale rotabile. Ora la Regione definisca un serio programma di investimenti, in linea con gli obiettivi, e chieda con forza a Trenitalia un pari investimento in nuovo materiale rotabile. Non vogliamo treni vecchi o rifatti. Vogliamo nuovi convogli che ci possano garantire un...

Read More